Gli algoritmi, ovvero il senso dei Big Data

È del 2016 un libro dal titolo evocativo: “Che cosa sognano gli algoritmi. Tuttavia, l’intenzione dell’autore – Dominique Cardon – non è quella di misurarsi in una sorta di fantasioso duello con il famoso “Do Androids dream of electric sheeps” di Philip K. Dick, quanto piuttosto tentare di spiegare al lettore – dal punto di vista scientifico –  che cosa davvero accade nella cosiddetta “scatola nera” del calcolo algoritmico. O meglio, provare a mostrare il funzionamento degli algoritmi “dall’interno” ossia mentre sono all’opera nel cercare di  dare “un senso” al diluvio di Big Data che avvolge e determina le nostre vite.

L’approccio è molto interessante. Intanto, c’è il superamento della solita – scontata –  vulgata su big data e intelligenza artificiale ovvero sulla presunta opposizione umani vs macchine intelligenti. Cardon, infatti,  disegna una prospettiva diversa, molto più utile per una interpretazione critica e propositiva dell’innovazione tecnologica: le cosiddette “macchine intelligenti” non rappresentano qualcosa di alieno che minacciosamente punta a colonizzare spazi umani, ma al contrario si configurano come qualcosa di assimilato e centrale rispetto alla società in quanto è proprio dallo sviluppo tecnologico che viene – attraverso il suo orientamento e la sua organizzazione – un contributo decisivo alla “costruzione” della realtà odierna.

Quindi passa, con sintesi ed efficacia, a descrivere i 4 fondamentali algoritmi che in pratica – attualmente –  governano l’intero web e le nostre vite digitali. Partendo – in ordine cronologico – dal meno recente al più recente. Iniziando con la misura della “popolarità” mediante il conteggio dei “clic”; per  passare poi alla rivoluzione Google con il suo algoritmo “PageRank” ovvero  il rilevamento “dell’autorevolezza” attraverso lo scambio dei link ipertestuali; quindi al calcolo della “reputazione” grazie al mondo social network e i sistemi rating; e infine – con l’esplosione dei big data – alla “predittività”, cioè l’algoritmo – ultimo della serie – più evoluto che “impara” confrontando i “profili comportamentali” degli internauti. Insomma, il futuro del comportamento di un internauta sarà “predetto” grazie alle stime sui comportamenti passati di coloro che – statisticamente – più gli somigliano.

Gli algoritmi, come spiega Cardon, sono governati dalla statistica, dalle infinite correlazioni e regolarità messe a disposizione dai big data. Ad esempio, nel campo dell’innovazione tecnologica nelle applicazioni di AI, l’arrivo dei big data e degli algoritmi statistici, ha prodotto un cambio radicale di prospettiva, vale a dire il passaggio a tentativi di applicazioni “astrattamente intelligenti” ad applicazioni “di statistica intelligente”. Prima IBM e poi Google hanno ri-orientato i loro progetti. Enormi capacità di calcolo degli attuali computer, sempre maggiore disponibilità di big data, hanno portato a  testare contemporaneamente – rispetto a svariate soluzioni di problemi – infinite risposte fino a trovare quelle con maggiori regolarità statistiche.

Questo tipo di soluzione risulta evidente nello sviluppo AI applicato alle traduzioni simultanee. Qui Google – grazie all’enormità di big data acquisiti mediante le sue continue campagne di mass digitization con il progetto “Google Books” – ha messo a punto un’applicazione di intelligenza artificiale statistica – vale a dire “Google Traslate” – che non si preoccupa più di effettuare  una traduzione da una lingua a l’altra, ma lavora  semplicemente su stime statistiche per arrivare alle migliore traduzione possibile, e lo fa confrontando la parole o gruppi di parole – che in quel momento deve tradurre – con l’infinito numero di traduzioni che possiede in memoria grazie agli oltre 25 milioni di testi digitalizzati (big data) in tutte le lingue posseduti dalle principali biblioteche americane ed europee.

Questa voce è stata pubblicata in algoritmo, biblioteca digitale, big data, Datafication, digitalizzazione, Google Books, tecnologie digitali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *