Archivi autore: Fabio Di Giammarco

Biblioteche nel diluvio dei Big Data: prospettive per nuovi servizi tra “data curation” e “open data”

I Big Data – per ora – hanno solo “sfiorato” il mondo delle biblioteche. Si è trattato  di un “rendezvous” che  lascia però presagire ulteriori sviluppi “rivoluzionari”. L’ingresso pieno di questa nuova tecnologia in Biblioteca potrà, infatti, suscitare nuovi importanti … Continua a leggere

Pubblicato in biblioteca digitale, big data, Big Data culturali, big data curation, Datafication, open data | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Dal documento ai dati: la scomparsa del record bibliografico nel web

Tutto ha inizio con Tim Berners Lee. È il 2001, quando l’inventore del Web scrive: “Le macchine diventeranno capaci di analizzare tutti i dati sul Web, il contenuto, i link e le transazioni tra persone e computer. La “Rete Semantica” … Continua a leggere

Pubblicato in biblioteca digitale, big data, Formati, FRBR, futuro del libro, linked data, RDA, RDF, società dell'informazione, Standard, storia delle biblioteche, tecnologie digitali, web semantico | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Una bussola per i Big Data: la Biblioteca

BIBLIOTECHE E BIG DATA – C’è una bussola per il mare magnum dei Big Data: la Biblioteca. Alla scoperta della biblioteca come piattaforma professionale di supporto nel trattamento di grandi quantità di dati: una istituzione pubblica come luogo di accesso … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

soBig Data: le tracce digitali che lasciamo dietro di noi

Il CNR di Pisa, guida il primo progetto pubblico su Big Data e Social Mining: soBig Data. Finanziato con 6 milioni di euro nell’ambito del programma Horizon 2020 Infraia 2014-2015, ha una durata di 4 anni e – oltre al … Continua a leggere

Pubblicato in big data, big data curation, linked data, privacy, tecnologie digitali, text and data mining | Contrassegnato , | Lascia un commento

Tecnologia IIIF: un aiuto per la ricostruzione virtuale dei manoscritti frammentati e dispersi

Otto F. Ege, famigerato book breaker del secolo scorso, soleva difendere il suo iper-attivismo di  “tagliatore di manoscritti”, affermando: “forse permettere a mille persone di avere e conservare una foglia originale di un manoscritto…è indurla ad una comprensione che solo … Continua a leggere

Pubblicato in biblioteca digitale, digitalizzazione, futuro del libro, manoscritti virtuali, patrimonio culturale digitalizzato, tecnologie digitali | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento